Come nasce il progetto

Tutto ha avuto inizio a gennaio 2013 quando al nostro programma di visitare un progetto acqua, a nord-ovest del Camerun con la fondazione “Aiutare i bambini”, di cui siamo stati volontari per anni, abbiamo affiancato la visita al villaggio della nostra amica Marie Anne.

Marie Anne è una suora laica che ha studiato in Italia, laureandosi in economia dello sviluppo alla Pontificia Università Gregoriana, aveva fatto con un ingegnere un enorme progetto che si è arenato a causa della morte dell’ingegnere stesso…aveva perso la speranza di dare acqua e luce ai suoi paesani. Noi l’abbiamo conosciuta, contattandola via internet, dopo aver letto una sua intervista; siamo rimasti in contatto per lungo tempo via facebook, poi a settembre 2012, mentre organizzavamo il viaggio, ci siamo incontrati a Roma, ci ha chiesto di aiutarla e abbiamo deciso di metterci a sua disposizione, dedicando la seconda parte del nostro viaggio a lei e ai suoi villaggi senza acqua e luce.

Noi siamo Fabio Belardoni e Livia Trigona, due persone comuni come milioni di altre….abbiamo deciso di provare a rendere realtà un sogno, regalatoci da un’amica e ormai diventato parte di noi.

Siamo due lavoratori autonomi e conosciamo le difficoltà del nostro Paese, siamo comunque convinti che, soprattutto in un periodo come questo, aprire la mente e volgere lo sguardo verso altre realtà sia il modo più efficace per imparare a conoscere gli altri più profondamente ma anche e soprattutto, per osservare il nostro mondo sotto un nuovo punto di vista.

Il Camerun è un grande paese, ricco di risorse naturali, quasi un paradiso terrestre; ma in questo paese si muore ancora per malattie legate alla cattiva igiene. Alla popolazione serve solo formazione tecnica e conoscenza.

Nel 2013, abbiamo vissuto con loro nella parrocchia del villaggio di Mvom Nnam (nel distretto di Engab, comune di Sa’a a circa tre ore dalla capitale Yaoundè) dove, privilegiati rispetto agli altri abitanti, avevamo, sebbene di rado, acqua e luce. Abbiamo fatto un sopralluogo e mappato il territorio, redigendo un censimento dei pozzi e delle sorgenti esistenti. Un giorno ci siamo imbattuti in un grande sistema di pompaggio, realizzato dalla cooperazione internazionale e abbandonato alla fine degli anni ottanta.

Ci è sembrato tutto chiaro, questo sarebbe stato il punto di partenza.

Abbiamo quindi preso in mano il vecchio progetto di Marie Anne e lo abbiamo modificato, ridimensionandolo con l’intenzione di procedere per gradi. Il primo obiettivo è stato dunque quello di provare a ripristinare il sistema di pompaggio per dare acqua ai tre villaggi circostanti e soprattutto (il compito più arduo) capire come fare formazione alla gente dei villaggi.

Cosa fondamentale è infatti rendere la popolazione autonoma, in grado di gestire l’emergenza, la manutenzione e, soprattutto, farla sentire proprietaria e responsabile di quelli, che chiamano, i “monumenti dei bianchi”.

A febbraio 2014 si è svolta la seconda missione in Camerun, per verificare lo stato dei componenti elettrici, idraulici e meccanici della stazione di pompaggio. Per la prima volta c’è stato un confronto con tecnici locali, per lavorare insieme, una sorta di scuola-lavoro. Il gruppo era formato da tecnici e persone comuni con il sogno di regalare competenze e conoscenze per creare una coscienza critica e non assistenzialismo (https://acquapertutti.wordpress.com/2016/07/25/risultati-della-prima-fase-tecnica-i-obiettivo/ per il resoconto del viaggio).

Al rientro in Italia si è deciso di strutturare il lavoro che si stava facendo, è nata così la Omnes… oltre i confini onlus nell’ottobre del 2014, riconosciuta onlus dalla Regione Umbria a Giugno del 2015.

Nel frattempo Marie Anne ha vissuto per diversi mesi nei villaggi di Engab mentre in Italia si lavorava per rimodulare il progetto con l’aiuto di tecnici e ingegneri volontari. Nel corso del 2015 il progetto “Acqua per tutti”, un acquedotto per cinque villaggi del distretto di Engab, era pronto ed è stato consegnato a Marie Anne, la quale nel frattempo era rientrata  in modo stabile in Sicilia.

La prima fase del progetto si era conclusa, Marie Anne ha deciso di coinvolgere quindi l’Università di Palermo per ampliare il progetto e renderlo realizzabile da subito in un unico lavoro.

La Omnes… oltre i confini ha deciso di adoperarsi nel frattempo per aiutare la popolazione con piccoli progetti allo scopo di migliorare la qualità della vita delle persone e soprattutto incrementarne la consapevolezza e la conoscenza tecnica e igienica.

Nel corso del 2016 e del 2017, si è messo dunque a punto il  progetto operativo “Prime gocce d’acqua“, si sono raccolti i fondi per realizzarlo, si sono richiesti tutti i permessi e si è identificata la comunità di Nlong Zok come partner locale, responsabile: il capovillaggio Sig. Louis Essakuna e referente del progetto per le comunicazioni e i contatti con la Omnes… oltre i confini: il Sig. Jean Marie Atangana Molo.

Prime gocce d’acqua consiste nella riabilitazione di uno dei pozzi trivellati collegato alla vecchia stazione di pompaggio e mai utilizzato, allo scopo di creare un primo polo di distribuzione d’acqua al servizio della popolazione di Nlong Zok  (uno dei nove villaggi del distretto di Engab) e di organizzare un primo gruppo di lavoro composto dai giovani del villaggio, realizzatori pratici dell’opera con l’aiuto e le indicazioni dei volontari della Omnes… oltre i confini.

LA PRIMA FASE DEL PROGETTO OPERATIVO “Prime gocce d’acqua” è stata realizzata tra agosto e settembre del 2018.

…il racconto continua nelle pagine del blog…

Livia Trigona, Fabio Belardoni

Intrecci di anime

Marie Anne...

Marie Anne…

Annunci

17 risposte a “Come nasce il progetto

  1. Ciao ragazzi, abbiamo letto molto volentieri del vostro progetto e di alcune riflessioni che sentiamo molto vicine al nostro modo di essere e di pensare… anche noi siamo impegnati in un “lungo viaggio”, che non sappiamo bene dove porterà. Ed è proprio questo il bello. E se ora non fossimo impegnati qui in America Latina, probabilmente avremmo cercato di essere li con voi… ma con lo spirito ci siamo! In bocca al lupo.
    Manutoniinviaggio

    • Grazie a voi per essere passati a dare un’occhiata al nostro blog e per esservi interessati al nostro progetto, chissà il futuro cosa ci riserva…magari le nostre strade si incroceranno! In bocca al lupo anche a voi per tutto! A presto Livia e Fabio

  2. Ciao, gestisco un sito che si occupa di viaggi e spesso di viaggi in africa. vi ho conosciuti proprio grazie ad un post scritto da me per cui avete messo il “mi piace”. data l’importanza della vostra iniziativa mi farebbe piacere ospitare un vostro post sul mio blog. fatemi sapere se interessati. la mia mail è seo@vdu.it.
    Grazie

    • Ciao, ti ringraziamo molto per la tua disponibilità ad ospitare un nostro post sul tuo blog e per l’importanza che dai al nostro progetto. Vorremmo segnalarti, però, che ad ogni tentativo di entrare nel tuo blog veniamo indirizzati in uno legato a vini e cibo, come mai non riusciamo ad entrare in quello di cui ci parli?

  3. Bel progetto, vi auguro buon lavoro! Avevo sentito qualche anno fa di un progetto analogo in India che è stato poi esportato in Africa…in quel caso erano le donne mature del villaggio a diventare le “ingegneresse” del fotovoltaico, per portare acqua e luce nei villaggi e a catena addestrare altre donne…credo proprio sia la strada giusta!

  4. Grazie Patrizia anche per aver deciso di dare uno sguardo al nostro progetto, se vorrai seguirci ti aggiorneremo sugli sviluppi del lavoro! La formazione nel nostro caso si rivolgerà un po’ a tutti: a giovani adulti, nell’immediato, per la realizzazione dell’acquedotto e la manutenzione, alle donne per l’uso consapevole dell’acqua e l’igiene ma soprattutto ai ragazzi, il futuro, coloro che potranno cambiare realmente le cose…una scuola di formazione che possa formare figure che conoscano il territorio e sappiano domani gestirlo. Livia

    • Grazie a te…e complimenti per il coraggio che hai avuto! La meraviglia è affacciarsi ogni giorno dalla finestra della vita e scoprire, con continuo stupore, come il paesaggio possa mutare seguendo le numerose diagonali dell’osservazione!

  5. Persone come voi mi riempiono di entusiasmo.
    Già lo sono per natura … 🙂
    Vi seguirò con immenso piacere nelle tappe del vostro cammino, non facile ma sicuramente e comunque appagante.
    Un abbraccio e un grande in bocca al lupo! 🙂
    Primula

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...