Terremoto: azioni


In questo post la Omnes… oltre i confini intende illustrare quali iniziative di solidarietà, legate agli eventi sismici che hanno colpito l’Italia centrale tra Agosto e Ottobre 2016, ha organizzato o organizzerà, in modo da permettere a coloro che ci seguono e ci aiutano a portare avanti i nostri progetti di valutare le azioni e le motivazioni delle scelte che l’associazione sta compiendo.

Come già spiegato in un post precedente la Omnes… oltre i confini, in accordo con gli enti preposti, agisce con lo scopo di aiutare concretamente le popolazioni colpite dalla calamità naturale analizzando le reali necessità senza seguire l’onda dell’emozione, che spesso in queste situazioni rischia di inceppare la macchina organizzativa o di creare degli esuberi che poi vanno persi.

La solidarietà è un valore da rispettare.

Il 3 settembre ci siamo recati nelle aree colpite dal sisma del 24 agosto (il resoconto della giornata è stato pubblicato in un precedente post) e abbiamo avuto la possibilità di valutare attentamente lo stato delle cose, di vedere direttamente i luoghi colpiti, di parlare con le istituzioni, gli enti preposti all’emergenza ma soprattutto con gli sfollati, i quali ci hanno garantito che non servivano beni di prima necessità e che era stata loro assicurata una sistemazione dignitosa e pasti caldi.

Alla luce di ciò la nostra decisione è stata, allora, quella di non fare raccolte fondi generiche ma di partecipare o promuovere eventi, che avessero un fine ben chiaro e con prospettive legate ad un miglioramento di un’area così duramente colpita anche sul lungo tempo.

Il 23 settembre, in linea con la decisione presa, abbiamo accettato di collaborare con l’amministrazione di Bevagna e le associazioni del territorio nell’organizzazione di una cena di solidarietà allo scopo di realizzare qualcosa di concreto per la popolazione di Norcia.

La cena, allestita nella splendida piazza di Bevagna, ha permesso di raccogliere €8.015,00. Su richiesta del comitato organizzativo della cena, il Sindaco di Norcia ha proposto una serie di possibili progetti finanziabili; si è dunque deciso di destinare la cifra raccolta al fondo per la realizzazione di un presidio fisso della Protezione civile a Norcia e di un centro di aggregazione per giovani e anziani, seguiremo lo sviluppo del progetto per riportarne gli aggiornamenti.

Presentazione e progetto inviati dal Sindaco di Norcia

Purtroppo lo sciame sismico non si è fermato con la scossa di Agosto e le successive di assestamento; le due forti scosse del 26 ottobre e quella violenta della mattina del 30 ottobre hanno colpito, infatti, un territorio già indebolito da due mesi di convivenza con paura e precarietà e interrotto bruscamente un tentativo di normalizzazione.

Lo stress accumulato dagli abitanti e dagli edifici è sfociato in crolli psicologici  e strutturali.

La già critica situazione è peggiorata anche a causa dell’ampliarsi del bacino colpito da danni di notevole entità e dalla conformazione stessa del tessuto abitativo delle zone appenniniche: nuclei abitativi relativamente grandi circondati da un’infinità di piccoli agglomerati e case sparse, che costituiscono allo stesso tempo la bellezza e la criticità dell’area, posta  a cavallo del confine amministrativo di tre regioni ma un’unica entità al livello paesaggistico e morfologico.

La Omnes… oltre i confini  si sta organizzando per affrontare questa rinnovata emergenza, con l’intenzione di andare ad operare in quelle che sono appunto le criticità più evidenti dell’attuale quadro dei soccorsi.

La macchina operativa costituita dalla Protezione Civile, Croce Rossa, Caritas ecc. ha organizzato ricoveri in grandi tensostrutture, palasport e mense al servizio degli sfollati, ha distribuito generi di prima necessità (dagli alimenti, al vestiario, ai prodotti per l’igiene personale, alle coperte) creando dei punti di raccolta sparsi nelle aree in cui si trovano i COC, sta provvedendo allo spostamento in alberghi sulla costa adriatica e presso il Lago Trasimeno dei nuclei familiari che si sono dichiarati disponibili al trasferimento, sta effettuando il trasporto del bestiame per garantirne la sopravvivenza e permettere così ai proprietari di lasciare le frazioni più danneggiate.

Si è potuto comunque constatare, attraverso contatti diretti con persone che vivono nelle frazioni, che ci sono inevitabilmente non poche difficoltà per la distribuzione dei beni di prima necessità in questi centri sparsi sulle alture dell’area attorno al Monte Vettore, difficilmente raggiungibili a causa di strade impervie e in parte franate.

La Omnes… oltre i confini ha pertanto deciso di recarsi nuovamente nelle aree terremotate domenica 20 novembre 2016, per individuare alcune realtà insediative più isolate che verranno quindi “adottate” dall’associazione, la quale si farà promotrice di raccolte per consegnare direttamente agli abitanti quanto necessario in modo documentato e trasparente.

Presto verranno pubblicati aggiornamenti su luoghi, metodologie e destinatari delle raccolte.

Livia Trigona

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...