INCONTRO INTERNAZIONALE Solidarietà e Progetti: “Dove va a finire ciò che ho raccolto?”


 

Sabato 8 ottobre al Centro Polivalente di Cantalupo di Bevagna si svolgerà l’Incontro Internazionale Solidarietà e Progetti: “Dove va a finire ciò che ho raccolto?” organizzato dalla onlus Omnes… oltre i confini di Bevagna, in collaborazione con il Comune di Bevagna e aperto a tutti.

L’Incontro è stato fissato alla vigilia della Marcia della Pace, alla quale l’associazione mevanate ha invitato, in accordo con la Tavola della Pace, altre realtà associative con le quali collabora e uomini e donne impegnate nella divulgazione di messaggi di pace attraverso il proprio operato o quello dei propri cari: il fotoreporter Enea Discepoli ed Egidia Beretta, madre dell’attivista per i diritti umani Vittorio Arrigoni.

L’idea dell’Incontro nasce dalla volontà della Omnes… oltre i confini di dare una risposta concreta e diretta all’interrogativo: dove va a finire ciò che ho raccolto? Interrogativo che spesso l’opinione pubblica si pone in riferimento alle numerose iniziative di sensibilizzazione e solidarietà promosse dalle varie associazioni impegnate nel sociale. La legittima domanda necessita di una risposta seria e ben argomentata che possa fugare la latente sfiducia che spesso circonda queste iniziative.

L’obiettivo è dunque quello di offrire ai volontari e a tutti i cittadini che hanno collaborato ai progetti e alle iniziative proposte dalla Omnes…, una testimonianza diretta su come e dove sono stati inviati i generi alimentari e i farmaci raccolti.

All’incontro prenderà la parola Konstantinos Polikronopoulos ideatore e fondatore della Cucina Sociale “L’altro uomo” di Atene che, sul territorio greco, è quotidianamente impegnata in una solidarietà che parte dal cibo, free food for all, per arrivare al cuore dei problemi attraverso un aiuto concreto e collettivo. Con il progetto Atmosfere Mediterranee, la Omnes… ha creato un ponte con la Grecia, inviando generi alimentari raccolti sul nostro territorio e collaborando direttamente, a Luglio 2016, tra le vie di Atene e nel campo rifugiati di Malakasa in Attica.

Un’altra importante testimonianza sarà fornita da Stefano Rebora presidente della onlus genovese Music for Peace, che consegna, direttamente alle popolazioni dei territori in emergenza umanitaria, generi alimentari e medicine.Attraverso la campagna Medicine… oltre i confini, la Omnes… -coinvolgendo cittadinanza, associazioni e scuole del territorio- ha collaborato fattivamente alla raccolta di farmaci che, questa estate, sono stati portati da Music for Paece a Gaza, unica carovana di aiuti umanitari che ha avuto il permesso di entrare nella Striscia.

All’incontro saranno presenti alcune classi dell’Istituto Comprensivo Bevagna – Cannara che, durante l’anno scolastico 2015 – 2016, ha aderito al progetto.

Il giorno dell’incontro sarà possibile consegnare farmaci e medicali a Music for Peace, che -in occasione della Marcia della Pace- ha indetto una nuova campagna di raccolta che si svolgerà lungo il percorso Perugia-Assisi con il Solidarbus un colorato bus di linea, simbolo dell’associazione genovese.

Livia Trigona

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...